A Parigi logistica ‘green’ per i punti vendita sfruttando veicoli elettrici e battelli


Secondo le stime del gruppo Casino, nella sola regione Ile-de-France si potranno ridurre le distanze percorse nella misura di 2 milioni di km l’anno, equivalenti ad una riduzione di 2.200 tonnellate di emissioni di Co2

via A Parigi logistica ‘green’ per i punti vendita sfruttando veicoli elettrici e battelli – Adnkronos Prometeo Sostenibilità Best Practices.

Advertisements

Gli hotel più tecnologici del mondo


Anche i geek più sfegatati hanno bisogno di concedersi una meritata vacanza dopo un duro anno di lavoro. Ma come fare a trovare un’atmosfera rilassante ma che al tempo stesso sia in linea con le proprie passioni?
Fortunatamente, lo staff di Tom’s Hardware ha selezionato i dodici migliori hotel dove un appassionato di tecnologia non farà fatica ad ambientarsi. Si passa da quelli per gli amanti dei videogiochi a quelli per chi ha la coscienza ecologica, dagli hotel per gli aspiranti registi digitali alle location usate durante le riprese di Star Wars.
Scommettiamo che non farete fatica a trovarne uno che vi farà letteralmente perdere la testa…

Gli hotel più tecnologici del mondo – Tom’s Hardware.

L’enciclopedia Britannica chiude, ma vivrà sul Web


Dopo 244 anni di onorato servizio va in pensione la Britannica, la più famosa enciclopedia del mondo. Non vedremo una nuova edizione di quei 32 volumi col dorso a caratteri dorati, pesanti come un essere umano, summa ordinata di tutto lo scibile planetario stampata su carta raffinata. Il mondo wiki, la Rete, ha sostituito completamente la sua funzione. E ne ha resa la storia semplice didascalia da museo.

link: L’enciclopedia Britannica chiude, ma vivrà sul Web | Webnews.

“Dobbiamo investire sull’agricoltura solo così battiamo povertà e malattie”


Image representing Bill Gates as depicted in C...

Image via CrunchBase

“Gli investimenti nell’agricoltura sono la miglior arma contro la fame e la povertà, e intorno ad essi passa la linea di demarcazione fra la vita e la morte per centinaia di milioni di persone. Se volete prendervi cura dei più poveri e sfortunati, dovete prendervi cura dell’agricoltura”. Quando avevamo incontrato Bill Gates oltre vent’anni fa a Seattle, era un grintoso e nervoso amministratore delegato che non guardava in faccia nessuno. Oggi parla con il carisma di un capo di Stato. Delinea strategie con pacata risolutezza, prefigura scenari possibili, esemplifica costi e benefici. Ma non più in nome della Microsoft, l’azienda che ha fondato nel 1975 quando aveva vent’anni, fattura 70 miliardi di dollari con 92mila dipendenti in ogni angolo del pianeta e ora ha lasciato nelle mani dell’antico compagno di studi Steve Ballmer: ormai si dedica anima e corpo alla Bill&Melinda Gates Foundation, la charity che ha creato quindici anni fa con la moglie, a sua volta ex dirigente Microsoft, e attraverso la quale ha già donato qualcosa come 28 miliardi di dollari.

via “Dobbiamo investire sull’agricoltura solo così battiamo povertà e malattie” – Economia e Finanza con Bloomberg – Repubblica.it.

“La Grecia tornerà alla dracma: ora lo dice la Ue” | Informare per Resistere


Il crollo dell’euro non è più accademia. È un’ipotesi che comincia ad aleggiare, per quanto come evento estremo, tra le stesse istituzioni Ue a dispetto delle continue rassicurazione di Bruxelles. Come scoperto da un giornale greco, un contratto della Banca Europa per gli Investimenti contiene una clausola che prevede l’obbligo di rinegoziare in caso di reintroduzione della dracma.

via “La Grecia tornerà alla dracma: ora lo dice la Ue” | Informare per Resistere.

COME GLI SVEDESI E I NORVEGESI HANNO SCHIACCIATO IL POTERE DELL’1 PER CENTO


Se molti di noi stanno lavorando per assicurare che il movimento Occupy abbia un impatto durevole, vale la pena considerare altri paesi in cui masse di persone sono riuscite a instaurare in modo non violento un alto grado di democrazia e di giustizia economica. La Svezia e la Norvegia, ad esempio, hanno visto un drastico cambiamento di potere negli anni ’30 dopo una prolungata lotta non violenta. Hanno “licenziato” l’elite dell’1 per cento della popolazione che determinava la direzione della società e hanno creato la base per qualcosa di diverso.

via COME GLI SVEDESI E I NORVEGESI HANNO SCHIACCIATO IL POTERE DELL’1 PER CENTO | Informare per Resistere.

Breve storia del Nuovo Ordine Mondiale


Lungi dal voler essere esaustiva, questa succinta tabella cronologica 1 (che va dal 1773 al 2011) elenca le tappe più importanti del cammino forzato dell’umanità verso quel Nuovo Ordine Mondiale che le Società Segrete (Massoneriain primis) e l’Alta Finanza vorrebbero instaurare sulla Terra, con il consenso o con la violenza.

via Breve storia del Nuovo Ordine Mondiale | Informare per Resistere.

Islanda, quando il popolo sconfigge l’economia globale


Oggi vogliamo raccontarvi una storia, il perché lo si capirà dopo. Di quelle storie che nessuno racconta a gran voce, che vengono piuttosto sussurrate di bocca in orecchio, al massimo narrate davanti ad una tavola imbandita o inviate per e-mail ai propri amici. È la storia di una delle nazioni più ricche al mondo, che ha affrontato la crisi peggiore mai piombata addosso ad un paese industrializzato e ne è uscita nel migliore dei modi.L’Islanda. Già, proprio quel paese che in pochi sanno dove stia esattamente, noto alla cronaca per vulcani dai nomi impronunciabili che con i loro sbuffi bianchi sono in grado di congelare il traffico aereo di un intero emisfero, ha dato il via ad un’eruzione ben più significativa, seppur molto meno conosciuta. Un’esplosione democratica che terrorizza i poteri economici e le banche di tutto il mondo, che porta con se messaggi rivoluzionari: di democrazia diretta, autodeterminazione finanziaria, annullamento del sistema del debito.

via Islanda, quando il popolo sconfigge l’economia globale | Lontano dai riflettori – ilCambiamento.it.

Aumenti in bolletta, colpa delle rinnovabili? Legambiente: “Ecco la verità”


È davvero colpa delle rinnovabili se le bollette energetiche lievitano?

Il caro bollette, recentemente annunciato, è davvero dovuto alle rinnovabili? In realtà, gli incentivi vecchi e nuovi a fotovoltaico, eolico e biomasse pesano per il 10% circa dei costi. È quanto emerge da un’analisi di Legambiente sulle voci che compongono la bolletta media di una famiglia italiana.

via Aumenti in bolletta, colpa delle rinnovabili? Legambiente: “Ecco la verità” | Energie Alternative – ilCambiamento.it.