I cellulari sull’aereo, parliamone


Ogni giorno decine di milioni di persone spengono il loro telefono cellulare dopo essersi imbarcate sull’aereo. Lo fanno perché glielo chiedono le compagnie aeree, gli equipaggi e i messaggi registrati che sciorinano l’elenco infinito delle norme di sicurezza prima del decollo: e lo fanno spesso senza comprenderne bene il motivo, guardando con riprovazione e timore – ci farà precipitare? – chi se ne infischia e continua a inviare messaggi, usare giochini o chiacchierare con l’auricolare. Negli ultimi giorni il New York Times e l’Atlantic hanno risollevato il problema dell’uso dei cellulari a bordo degli aerei prendendo spunto dalla trafficata settimana del giorno del Ringraziamento, quando milioni di cittadini statunitensi si spostano per raggiungere i parenti e festeggiare insieme, col tacchino anche.

via I cellulari sull’aereo, parliamone | Il Post.

Flame: malware trafuga dati e conversazioni


Si chiama Flame il nuovo malware che minaccia enti e società attive sulla Rete: il nuovo virus è stato scoperto da Kaspersky Lab durante un’indagine commissionata dall’ITU International Telecommunication Union, la stessa che era incentrata sullo studio di Wiper, un worm che in tempi recenti si è fatto notare per aver infettato alcuni sistemi in Asia occidentale arrivando all’eliminazione non autorizzata di dati appartenenti ad alcune aziende del mercato del petrolio.Secondo Kaspersky, Flame è un programma sofisticato, tanto da essere il virus più pericoloso tra tutti quelli scoperti in questi anni.

via Flame: malware trafuga dati e conversazioni | oneITsecurity.

Stuxnet e Flame sono collegati


Flame 2233656b ...item 3.. Flame turns an infe...

Secondo i dati emersi da uno studio condotto da Kaspersky Lab, i due malware Stuxnet e Flame potrebbero essere in qualche modo collegati, anche se tra essi vi sono parecchie differenze. A fare da filo conduttore in questo caso sarebbe, secondo i ricercatori, un collegamento tra i due team che hanno dato vita ai due software, i quali avrebbero forse collaborato tra loro nelle prime fasi di stesura del codice.

via Stuxnet e Flame sono collegati | oneITsecurity.

Wikileaks vince contro Visa e Mastercard


wikileaks

Wikileaks vince la prima battaglia legale contro i due colossi Visa e Mastercard: il tribunale di Reykjavik ha infatti sentenziato l’illegittimità delle azioni dei due gruppi, che nel 2010 hanno interrotto i servizi di pagamento del sito di Julian Assange. Per tale motivo dovranno procedere entro le prossime due settimane al ripristino dei servizi, altrimenti verrà loro applicata una sanzione di 5.000 dollari al giorno fin quando non regoleranno la propria posizione.

via Wikileaks vince contro Visa e Mastercard | Webnews.

Istituto Luce, ora anche su YouTube


A tre anni dal debutto online, l’archivio storico di Istituto Luce sbarca su YouTube. Google Italia è infatti lieta di annunciare una partnership con Istituto Luce Cinecittà che permetterà agli utenti di guardare nel famoso portale video oltre 30.000 clip provenienti dall’archivio di quella che è a tutti gli effetti la storia della televisione italiana. Tra i filmati, sarà possibile trovare i cinegiornali proiettati nei cinema italiani in 40 anni, che riprendono anche star come Sophia Loren e Gina Lollobrigida.

via Istituto Luce, ora anche su YouTube | Webnews.

Syria Files: Wikileaks crea nuovo imbarazzo


wikileaks

Con apposita conferenza, Wikileaks ha ufficializzato la pubblicazione di una nuova valanga di documentazioni riservate in questo caso relative alle istituzioni siriane. Inevitabilmente la cosa genererà un forte imbarazzo per il Governo di Damasco, alle prese con una grave crisi interna e con gli strali provenienti dalla comunità internazionale, ma allo stesso tempo mette in luce anche gli interessi che altri paesi hanno intrattenuto con il la Siria prima dell’inizio dei noti problemi degli ultimi mesi.

via Syria Files: Wikileaks crea nuovo imbarazzo | Webnews.