OS Kaspersky più sicuro di Windows 8 e Apple OS X


Kaspersky Lab

Kaspersky sta lavorando a un sistema operativo destinato a sistemi industriali critici, capace di resistere alle potenti cyberarmi nate negli ultimi anni, come per esempio Stuxtnet, Duqu o Wiper.

Kaspersky Lab è al lavoro su un nuovo sistema operativo dedicato alle industrie, nel tentativo di arginare la minaccia delle cyberarmi, di cui abbiamo parlato solo pochi giorni fa. La notizia è emersa ieri in forma di voci ufficiose, seguite a ruota da una conferma firmata da Eugene Kaspersky in persona.La prima domanda che viene in mente è: perché? Perché le cyberarmi sono sempre più potenti, pericolose e diffuse. Gli esempi che hanno messo tutti in allerta sono Stuxnet, Duqu, Flame e altri, e ormai pochi dubitano che si possano creare danni ingenti a industrie e infrastrutture, e con le potenzialità per dare vita a scenari apocalittici degni di un film d’azione. A differenza dei film però non ci sono eroi del calibro di Bruce Willis a salvare la situazione, e allora “tocca a KL salvare il mondo, naturalmente!”, scrive il fondatore e massimo dirigente dell’azienda russa.

via OS Kaspersky più sicuro di Windows 8 e Apple OS X – Tom’s Hardware.

Advertisements

Flame: malware trafuga dati e conversazioni


Si chiama Flame il nuovo malware che minaccia enti e società attive sulla Rete: il nuovo virus è stato scoperto da Kaspersky Lab durante un’indagine commissionata dall’ITU International Telecommunication Union, la stessa che era incentrata sullo studio di Wiper, un worm che in tempi recenti si è fatto notare per aver infettato alcuni sistemi in Asia occidentale arrivando all’eliminazione non autorizzata di dati appartenenti ad alcune aziende del mercato del petrolio.Secondo Kaspersky, Flame è un programma sofisticato, tanto da essere il virus più pericoloso tra tutti quelli scoperti in questi anni.

via Flame: malware trafuga dati e conversazioni | oneITsecurity.

Kaspersky, risolto il mistero del trojan Duqu


Forse l’idea degli sviluppatori del trojan era quella di creare un malware che, dopo aver colpito computer e server, riuscisse a penetrare sui telefoni cellulari o su altri tipi di dispositivi: ecco perchè probabilmente il codice era stato creato per funzionare dovunque.

via Kaspersky, risolto il mistero del trojan Duqu | Webnews.