COME GLI SVEDESI E I NORVEGESI HANNO SCHIACCIATO IL POTERE DELL’1 PER CENTO


Se molti di noi stanno lavorando per assicurare che il movimento Occupy abbia un impatto durevole, vale la pena considerare altri paesi in cui masse di persone sono riuscite a instaurare in modo non violento un alto grado di democrazia e di giustizia economica. La Svezia e la Norvegia, ad esempio, hanno visto un drastico cambiamento di potere negli anni ’30 dopo una prolungata lotta non violenta. Hanno “licenziato” l’elite dell’1 per cento della popolazione che determinava la direzione della società e hanno creato la base per qualcosa di diverso.

via COME GLI SVEDESI E I NORVEGESI HANNO SCHIACCIATO IL POTERE DELL’1 PER CENTO | Informare per Resistere.

Advertisements

Ecco il grattacielo-serra, in Svezia il ‘contadino’ si trasferisce in città


Al via i lavori a Linkoping, in Svezia, per quella che si annuncia come la prima grande serra metropolitana al mondo. Ad ospitarla un vero e proprio grattacielo che avrà al suo interno coltivazioni di ortaggi e verdure per il consumo cittadino. Un paio di anni fa, la Plantagon, una compagnia svedese-americana, ha reso noto il suo progetto per una serie di enormi serre all’interno di grattacieli che avrebbero trasformato il volto dell’agricoltura nelle grandi città. L’intenzione è quella di fornire una soluzione al deficit di produzione nelle realtà urbane più popolose

via Ecco il grattacielo-serra, in Svezia il ‘contadino’ si trasferisce in città – Adnkronos Esteri.

Wikileaks prova a scappare


wikileaks

wikileaks (Photo credit: Sean MacEntee)

La morsa delle autorità statunitensi su Wikileaks è sempre forte e l’associazione fondata da Julian Assange è alla ricerca di una soluzione che possa permetterle di continuare ad operare indisturbata senza temere ripercussioni a livello legale. Tra le ipotesi attualmente in fase di studio vi sarebbe l’acquisto di una nave sulla quale alloggiare i server che ospitano le pagine contenenti i segreti pubblicati nel corso degli ultimi anni, ancorandola in alto mare.

Wikileaks fugge in acque internazionali | Webnews.